DETTAGLI DIMENTICATI?

Città

Ascoltare la città

COMUNICATO STAMPA – Venerdì 8 giugno 2018

Ascoltare la città
L’amministrazione Brugnaro ha ormai alle spalle tre anni di governo condotti senza un’idea della città e del suo possibile sviluppo, caratterizzati dalla ferrea sorveglianza di un Sindaco-padrone tutto concentrato sul controllo del potere. Se fossi a capo di un centro studi lo riterrei un caso molto interessante: il primo Comune italiano governato da una persona sola al comando, il Sindaco, senza Giunta (ridotta a organismo dovuto, ma privato di ogni autonomia politica e amministrativa), senza Direttore Generale e naturalmente senza Consiglio (ridotto a triste passaggio burocratico), ma con un grande ufficio stampa che più che comunicare fatti produce propaganda.
Da segretario di un partito politico, invece, devo notare gli effetti generali di questo modello amministrativo sulla città di Venezia e sulla Città Metropolitana.
La gestione del bilancio, tutto concentrato sui tagli dei servizi e completamente disinteressato agli investimenti, salvato dagli ingenti finanziamenti arrivati dai Governi Renzi e Gentiloni (Bando Periferie, Patto per Venezia, fondi europei PON Metro).
Un impoverimento dei servizi che tradisce il disprezzo per la funzione essenziale del Comune di essere sostegno per tutti i cittadini.
L’abbandono di ogni linea di sviluppo che faccia leva su progetti di lungo periodo capaci di valorizzare l’ingente patrimonio immobiliare, storico, culturale, ambientale e sociale che caratterizza il nostro territorio. Chi ha notizie della tanto sbandierata Agenzia di sviluppo batta un colpo.
La chiusura di tutti i canali di comunicazione tra la città e Ca’ Farsetti: provate a prendere un appuntamento in rappresentanza di una categoria, di un’associazione, di un’istanza civica. Provate a presentare una qualsiasi proposta attraverso i normali canali della Pubblica Amministrazione. Il Partito Democratico ci ha provato in molti modi e su molti temi, inutilmente e forse ovviamente, si dirà, ma è in buona compagnia di associazioni di categoria, società private e cittadini.
Nonostante tutto ciò, e forse a dispetto di tutto ciò, la città rimane viva e i suoi cittadini non si arrendono a quel destino di comparse al quale vorrebbe relegarli il Sindaco Brugnaro.
La manifestazione che si terrà domenica 10 giugno, alla quale hanno aderito decine di associazioni, e molti rappresentanti di enti e istituzioni, è un segno tangibile di questa vitalità che porta al centro dell’attenzione le persone che vivono in questo territorio, ne sentono l’appartenenza, sono preoccupate per il suo futuro e se ne vogliono occupare attivamente.
È un’ottima notizia per tutti.

Giorgio Dodi
Segretario Comunale Partito Democratico Venezia

Turismo

Turismo Venezia

La stagione turistica è ormai lanciata verso nuovi record e le sue ripercussioni sulla vita cittadina tengono banco nelle conversazioni tra la gente e sui giornali. Il Sindaco Brugnaro, dopo tre lunghi anni di governo, non è riuscito a mantenere nessuna promessa fatta in questo campo per incidere positivamente sulla vita dei cittadini e sulla gestione di una città complessa come Venezia.
In questi giorni due temi sono in primo piano: la stabilizzazione dei tornelli - di cui, a prescindere dal giudizio che se ne vuole dare, continuano a sfuggire gli aspetti pratici di gestione - e lo studio proposto da Airbnb che ha sollevato molte osservazioni sia di metodo sia di merito per le considerazioni sui vantaggi offerti ai residenti e alla città dal metodo diffuso in tutto il mondo dalla multinazionale americana.

Entrambi gli elementi si innestano in una realtà nella quale la Giunta Brugnaro continua a mancare tutte le promesse fatte per cercare di governare una crescita del turismo che da risorsa si sta trasformando in tsunami: i cambi d’uso galoppano allegramente, così come le aperture di rivendite di cibi da asporto, i plateatici dilagano totalmente incuranti dei limiti definiti dai pianini e gli esercenti ringraziano per aver visto abbassare il prezzo al mq (ufficiale), in Canal Grande si multano le canoe, ma il traffico a motore è fuori controllo, i lancioni gran turismo, lungi dall’essere messi sotto un minimo controllo, sono agevolati nello scaricare ogni giorno migliaia e migliaia di turisti mordi e fuggi.

Mentre la città, coraggiosamente, cerca di sopravvivere mettendo in campo ancora una volta la sua straordinaria resilienza fatta di associazioni, di volontariato, di imprese, di cultura, di sport, di difesa del bene comune, di semplice amore verso se stessa, il Sindaco Brugnaro continua ad affidarsi a soluzioni improvvisate e prive di qualsiasi visione sul futuro.

Eppure dal Governo italiano sono arrivati molti milioni di euro per cercare di trovare soluzioni concrete ai tanti temi della città di cui almeno dieci dovevano essere investiti nella gestione dei flussi turistici. Chi li ha visti? Milioni di euro tradotti in quattro tornelli (provvisori e senza un piano credibile di applicazione) e in un sistema di rilevazione delle presenze raffazzonato, tra l’altro a carico delle aziende fornitrici e che comunque entrerà in uso (forse) in autunno.

Di questo passo qualcosa di concreto sarà forse messo a fuoco per il 2020, in tempo per la prossima campagna elettorale fatta di promesse che non saranno mantenute.

Giorgio Dodi
Segretario Comunale Partito Democratico Venezia

Asili

Asili Nido

Il requisito della residenza protratta per 15 anni, richiesto dalla legge regionale del Veneto n. 6 del 2017 come titolo di precedenza per l’accesso agli asili nido è stato dichiarato “incostituzionale” dalla sentenza n. 107/2018 della Corte costituzionale.
La legge regionale aveva configurato come titolo preferenziale per l’iscrizione dei bambini al nido pubblico la residenza ininterrotta (o l’attività lavorativa, anche non continuativa) per 15 anni in Veneto.

Il Comune di Venezia ha un primato (negativo), infatti prima dell’approvazione della legge regionale aveva introdotto (con un emendamento della Lega) un punteggio di preferenza per le coppie che risiedevano a Venezia da almeno 20 o 15 anni.

Il regolamento era stato ulteriormente modificato nel GENNAIO 2018, confermando in parte tali criteri e prevedendo esplicitamente il criterio di priorità previsto dalla legge regionale dichiarata oggi incostituzionale.

Da sempre ci siamo opposti sia a livello locale che regionale a questo tipo di ragionamento evidenziandone i profili di incostituzionalità.
La legge regionale e il regolamento del comune di Venezia sono provvedimenti sbagliati non solo perché violano il principio di uguaglianza ma anche perché rendono meno attrattivo il Veneto e Venezia per le giovani coppie ed escludono le famiglie vulnerabili.

La Corte costituzionale ha confermato le nostre denunce stabilendo che la legge regionale , contrasta con il principio di uguaglianza, poiché introduce un criterio irragionevole per l’attribuzione del beneficio, non essendovi alcuna “ragionevole correlazione” tra la residenza prolungata in Veneto e le situazioni di bisogno o di disagio.

La corte costituzionale ha poi sancito due importantissimi principi che noi condividiamo appieno:

- la funzione educativa dell’asilo nido

- nonché la finalità socio-assistenziale e quindi la necessaria tutela dei genitori privi dei mezzi economici per pagare l’asilo privato.

Siamo contenti di questo esito perché riteniamo che i bambini vadano tutelati senza confini! Per questo nelle prossime settimane il Partito Democratico depositerà una delibera di iniziativa consiliare di modifica del regolamento comunale sui nidi.

E’ bene che anche il Governo leghista impari dagli errori dei propri amministratori locali, non bastano gli slogan bisogna rispettare innanzitutto la Costituzione!

Monica Sambo
Consigliera Comunale PD

Giorgio Dodi
Segretario Comunale PD

Casinò

Casinò di Venezia - Situazione

Il Partito Democratico di Venezia esprime forte preoccupazione per la situazione che stanno vivendo i lavoratori del Casinò di Venezia e le loro famiglie e auspica che la proprietà arrivi al più presto ad un accordo su un nuovo contratto di lavoro.

Durante quest'ultimo anno, che ha visto l'imposizione unilaterale da parte del Comune di un Regolamento Aziendale in sostituzione del vecchio Contratto Aziendale di Lavoro, nell'attesa di scriverne uno nuovo, i lavoratori hanno assistito ad una trattativa lunga e difficile in cui la proprietà non ha esitato ad usare metodi coercitivi.

Le promesse di un rilancio e di un restyling delle due sedi non sono ancora state mantenute, la prospettiva di una sede nuova e prestigiosa, già prevista nel quadrante di Tessera, è sparita lasciando spazio a soluzioni che conducono all'area dei Pili, di proprietà del Sindaco Brugnaro, riportando in luce il problema dei suoi conflitti di interesse.

Il Partito Democratico ritiene sia gravissimo che nella gestione di un’azienda partecipata di tale importanza, che tanto ha dato e continua a dare in termini economici a tutta la comunità veneziana, si continui ad avere un atteggiamento ricattatorio nei confronti dei dipendenti, senza, al contempo, essere in grado di presentare alcun piano industriale che abbia come obiettivo il rilancio in una nuova sede di pregio che affianchi Ca' Vendramin Calergi.

Giorgio Dodi
Segretario Comunale Partito Democratico Venezia

Alessandro Baglioni
Segreteria Partito Democratico Venezia – Delegato alle Partecipate

Marghera

Un' altra occasione perduta

Apprendiamo che il sito di Porto Marghera è arrivato settimo su nove candidati nella valutazione dell’agenzia ENEA per definire la localizzazione del nuovo polo europeo

per la ricerca sulla fusione nucleare, progetto che prevede 500 milioni di Euro di investimenti.

Tra le motivazioni non ci sono aspetti relativi alla qualità del progetto, a dimostrazione che il nostro sistema universitario è di alto livello. Il vero problema sono le bonifiche e la proprietà delle aree: ancora una volta paghiamo l'immobilismo di una Giunta troppo indaffarata nel cancellare quanto di buono realizzato in passato, piuttosto che nel cogliere le opportunità offerte dal presente.

Nel 2014 la Giunta di centro-sinistra aveva previsto la costituzione della newco Marghera Eco Industries, società poi realizzata dal Commissario e creata proprio per portare a termine il trasferimento delle aree di proprietà di Syndial/ENI al Comune di Venezia. Società che il sindaco Brugnaro, dopo l'uscita della Regione, ha bellamente messo in liquidazione e definitivamente chiuso, mandando a monte mesi di trattative. Trattative che, peraltro, prevedevano che ENI si facesse carico del costo di quelle bonifiche che oggi sarebbero state oltremodo utili proprio ai fini del progetto del polo per la ricerca sulla fusione nucleare.

Il risultato è che 1500 lavoratori altamente qualificati, tra impieghi direttamente connessi al progetto e indotto, non verranno a Marghera. La domanda che ci poniamo è questa: se un ente pubblico non viene a Porto Marghera per la mancanza di garanzie su aree e bonifiche, come potranno venirci le aziende private, che prima di tutto chiedono certezze?

Il sindaco Brugnaro, ancora una volta accecato da quelle logiche politiche che diceva di rinnegare, pone un freno alla realizzazione di processi virtuosi, a discapito di tutta la collettività. Dopo aver fatto saltare gli accordi sull’area della Stazione di Mestre, sul terminal del tram a san Basilio, su via Ulloa a Marghera, salvo poi fare un’affrettata retromarcia, dopo aver fatto saltare l'accordo con ENI oggi porta la responsabilità degli effetti negativi delle proprie scelte.

Si apra subito un tavolo su Porto Marghera aperto alle categorie economiche, ai parlamentari e ai partiti in maniera trasversale: solo così potremo riprendere la via di uno sviluppo sostenibile.

 

Giorgio Dodi

Segretario Comunale Partito Democratico

 

Actv

Il Pd risponde a Seno

Vogliamo rispondere all’Ing. Seno che non ci siamo mai dichiarati esperti dei trasporti.

Non abbiamo una laurea in ingegneria dei trasporti, d’altronde non l’ha nemmeno Seno, ma abbiamo cercato di proporre una visione dei servizi che vorremmo dare a cittadini, lavoratori e visitatori della città .

Siamo talmente consapevoli di non essere dei tecnici che abbiamo chiesto un confronto con l’amministrazione e con l’azienda, offrendo la disponibilità del Partito Democratico a presentare le proprie proposte, per il bene della città.

La chiusura totale e la reazione scomposta di Seno dimostrano la mancanza di volontà dei vertici dell’azienda di confrontarsi non solo con il Partito Democratico, ma anche con gli utenti e con i dipendenti di Actv che certamente hanno ben presenti le esigenze della città.

Riteniamo che le scelte fatte in questi anni dall’amministrazione e da Actv in materia di trasporti e di regolazione dei flussi siano non solo sbagliate ma anche assolutamente inconsistenti: non serve infatti essere esperti di trasporti per vedere che la città e i suoi mezzi di trasporto sono sotto assedio.

Ricordiamo, inoltre, a Seno che le continue sperimentazioni effettuate in questi anni da Actv, fatte sulla pelle dei cittadini e senza un confronto con la città, sono sempre state fallimentari (sia nella città d’acqua, che in terraferma).

Riteniamo poi che alzare bandiera bianca di fronte all’invasione turistica di questi giorni, affermando di aver fatto il massimo, sia un’offesa per chi ha vissuto il weekend pasquale a Venezia, residenti e visitatori, ed anche per i lavoratori che hanno dovuto affrontare, nel totale disinteresse dell’amministrazione e dell'azienda, orde incontrollate di persone.

Il nostro invito va, quindi, non solo a Seno ma anche all’assessore Boraso e al Sindaco: è evidente che il problema dei flussi turistici è complesso e che non può essere affrontato solo con il sistema trasportistico, ma dato che l’amministrazione comunale non ha intenzione di fare alcunché per diminuire gli arrivi a Venezia, almeno cominci a differenziare i flussi con linee esterne al Canal Grande. Ne trarrebbe giovamento non solo la gestione dei flussi ma anche la navigabilità del Canal Grande, ogni giorno più rischiosa.

Non serve essere esperti di trasporti, è sufficiente avere un’idea di città e dei servizi che si vogliono dare ai cittadini: è questo che dovrebbe fare la politica e in questi anni ne abbiamo vista davvero poca.

Ribadiamo comunque la nostra disponibilità ad un confronto in commissione o in Consiglio comunale con azienda, Municipalità, cittadini e organizzazioni sindacali.

Giorgio Dodi

Segretario Partito Democratico Venezia

Monica Sambo

Consigliere comunale

Maurizio Mandricardo

Segreteria Pd Venezia - delegato alla Mobilita'

PD VENEZIA. VIENI A COSTRUIRE IL FUTURO.

l' Italia ha bisogno di voi e del vostro impegno.

SIAMO IN TUTTO IL MONDO

I circoli Pd sono anche all' estero, prova a cercarci .

LA NOSTRA FORZA I RISULTATI

2500+

ISCRITTI QUESTO MESE

150+

PROGETTI LANCIATI

600+

CITTA' TOCCATE DAL TRENO DI RENZI

1800+

EMAIL RICEVUTE

PARTITO DEMOCRATICO COMUNALE VENEZIA

Sede Principale

Piazzale Bainsizza, 6, 30171 Mestre Venezia
Italia

Tel: 041/616057
Fax: 041/611001

Email: info@pdvenezia.it
Web: www.pdvenezia.it

INSERISCI I TUOI DATI

Sarai contattato al piu' presto ...

TORNA SU